L’Associazione Culturale Perché io Segno, in collaborazione con Gruppo SILIS  propone per l’anno 2017/18 i corsi di LIS, Lingua dei Segni Italiana di I° e  II° Livello.

Sono previsti due incontri settimanali, ai quali verranno affiancate esperienze dirette con il mondo dei sordi e con la loro quotidianità, comprese le sfide che tutti i giorni affrontano.
La necessità di offrire i corsi di formazione si affianca alla terza ricorrenza del riconoscimento LIS da parte del Comune di Viterbo, prima città del Centro – Sud ad averlo fatto, avvenuta nell’agosto del 2013.

Per introdurre le persone all’uso della LIS, è necessario stimolare innanzitutto l’uso della vista, del corpo e della memoria visiva.

È importante che gli studenti inizino a padroneggiare tutte quelle modalità comunicative che si troveranno poi a dover utilizzare nella produzione segnica.

La didattica prevede quindi lo sviluppo delle seguenti aree:

– Comunicazione visivo-gestuale e visivo-segnica;
– Uso dello spazio corporeo ed ambientale;
– Comprensione e produzione LIS idonea al livello indicato.

Corso di 1° livello: aperto a tutti, senza distinzioni di età o grado di istruzione.
Sono previste 150 ore di lezione: 116 ore di pratica, 20 di teoria e 10 ore di tirocinio.

Corso di 2° Livello: aperto agli studenti che abbiano superato il 1° Livello.

Sono 170 le ore di lezione: 120 ore di pratica, 30 di teoria e 20 ore di tirocinio.

Il corso prevede l’acquisizione delle seguenti conoscenze:

– Fonologia;
– Morfosintassi;
– Uso dei classificatori;
– Uso dell’impersonamento;

Per favorire la didattica verranno utilizzati materiali ad hoc quali: il Manuale del Metodo Vista, videocassette di racconti, filmati e documentari in LIS ed altri materiali utili al fine.

Il Corso di 3° livello è aperto agli studenti che abbiamo superato gli step precedenti.
Sono previste 200 ore di lezione: 140 ore di pratica, 40 di teoria e 20 ore di tirocinio.

Si concentrerà lo studio su:

– Corretto uso dello spazio;
– Affinamento delle tecniche dell’impersonamento;
– Utilizzo idoneo dei classificatori;
– Aspetti generali dell’uso della LIS;

Sono previsti esami intermedi di valutazione ed una prova finale.

Che cos’è la LIS?

La LIS, non è una forma abbreviata di italiano o una sua trasposizione manuale, ma una lingua vera e propria, con regole grammaticali, sintattiche, morfologiche e lessicali molto precise e puntuali.

La Lingua dei Segni, da non confondere con l’abusato termine “linguaggio “dei segni, si è evoluta col passare del tempo, introducendo, proprio come l’italiano, nuovi lemmi, nuove strutture e perché no, sfumature dialettale.

La LIS permette alla persona sorda di comunicare in modo efficace, non va a sostituire il parlato ma lo implementa; per anni si è pensato che la lingua dei segni andasse a distruggere le capacità orale della persona sorda, oggi sappiamo che il segnato è un ottimo strumento, nelle mani del logopedista, per sostenere l’oralità, e spingere anche bambino e adulto al bilinguismo.

Perché un udente dovrebbe studiare la lingua dei segni?
I motivi sono tanti.
Molti si avvicinano a questa lingua affascinante per pura necessità: conoscono persone sorde o hanno un familiare che per motivi anche traumatici hanno perso l’udito. Altri per crearsi un lavoro; c’è sempre bisogno di nuovi interpreti, le occasioni culturali sono tante e la comunità sorda è sempre più spinta all’integrazione. Altra figura importante è quella dell’Assistente alla Comunicazione che aiuta il bambino sordo nell’apprendimento scolastico.

Altri ancora per timidezza, la LIS, infatti è una lingua tanto completa da mettere in gioco le capacità mimiche del soggetto, crea mezzi di interazioni nuovi e permette di superare i propri limiti personali.

Per info chiamare al tel: 329/4278442 oppure scrivere alla email: corsi.percheiosegno@gmail.com

Share
Categorie: News

it_ITItalian
it_ITItalian
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: